IO SONO UN DESTINO

VERSO

 

 

 

 

 

 

 

1

Conosco la mia sorte. Un giorno sarà legato al mio nome il ricordo di qualcosa di enorme – una crisi, quale mai si era vista sulla terra, la più profonda collisione della coscienza, una decisione evocata contro tutto ciò che finora è stato creduto, preteso, consacrato. Io non sono un uomo, sono dinamite. – E con tutto ciò non c’è nulla in me del fondatore di religioni – le religioni sono affari per la plebe, io sento il bisogno di lavarmi le mani dopo essere stato in contatto con uomini religiosi…

  Continua a leggere

VOINŢA DE PUTERE CA CUNOAŞTERE:BIOLOGIA IMPULS ULUI COGNITIV. PERSPECTIVISMUL

VOLUNTAD DE PODER R

 

 

 

 

 

493 . Adevărul este acea formă de eroare fără de care o anumită specie de vieţuitoare nu ar putea trăi. Valoarea pentru viaţă decide în cele din urmă.

  Continua a leggere

IL NOME E LA COSA

RETORICO UMAN

 

 

 

 

 

1. DAS ALTE RÄTSEL

Nella breve introduzione al corso di grammatica latina del semestre invernale  Nietzsche ripropone rapidamente l’“antico enigma” dell’origine del linguaggio. I termini dell’argomentazione sono certo ancora molto lontani dai modi critici di indagine del problema linguistico e il testo si appoggia in gran parte sulle fonti di Hartmann e di Rousseau.

Continua a leggere

O MISTÉRIO DA CONSTRUÇÃO STIRNERIANA

NEGAÇÃO DO INDIVÍDUO

 

 

 

 

 

 

A partir da posição marxiana, Stirner opera uma destituição ontológica tanto do mundo quanto do homem, na medida em que os destitui de sua objetividade.

Reproduzindo a natureza geral do procedimento especulativo, Stirner, através de esquemas e truques lógicos, traça “um plano judicioso, estabelecido por toda eternidade, /…/ afim de que o Único possa vir ao mundo no tempo previsto”.

  Continua a leggere

“Ατιτλο”

nigrum-inferno-header

 

 

 

 

 

 

Σήκω. Σήκω και κοίταξε
τριγύρω τον κόσμο που
ετοίμασαν για σένα.
Κι αρνσήσου τον’ αρνήσου τον με όλη σου
τη δύναμη.

Continua a leggere

LA VEGLIA NELLA TENEBRA

LOCURA

 

 

 

 

 

 

L’uomo totalmente solo, credente o meno, nell’abisso di ogni notte, sarebbe quindi tentato dal pensiero di Dio. Per il non credente questo Dio corrisponderebbe in primis alla sopravvivenza del dialogo: Egli fungerebbe cioè da interlocutore quando tutto scompare.

  Continua a leggere